Il nostro Network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels/Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti/Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | Youtube | Google+ | iPhone | Android | Windows Phone |
Venerdì 17 Agosto 2018

L’incantevole borgo di Bevagna

Chiesa San Michele a Bevagna

Facciata della Chiesa di San Michele Arcangelo con in basso la fontana

La magia dell’Umbria e la capacità della regione di attrarre visitatori ogni giorno dell’anno si devono alla caratteristica dei borghi minori. Bevagna non sfugge all’attenzione turistica, sebbene è ancora “sopraffatta” dal successo mondiale che riscuotono città come Assisi, Orvieto o Todi. L’Umbria minore da visitare passa anche attraverso questo incantevole scorcio della Valle umbra, tra Foligno e Montefalco. Il Mercato delle Gaite lo rende celebre al largo pubblico con la rievocazione di antichi mestieri e la buona cucina di una volta. Oggi abbiamo deciso di raccontarvela nel breve spazio di un post.

Bevagna divenne un fiorente centro romano che assunse il toponimo di Mevania. Il centro urbano fu riorganizzato secondo i criteri del cardo-decumano, con la strada principale che coincideva con la Via Flaminia. L’attuale assetto, tuttavia, ricalca la forma che assunse nel Medioevo. In questo periodo storico, infatti, divenne libero comune, poi sconfitto dalle truppe di Federico Barbarossa.

Qualsiasi itinerario che si rispetti parte dalla suggestiva Piazza Silvestri, caratterizzata dalla centrale fontana ottocentesca. Si affacciano su di essa i due simboli degli altrettanti poteri medievali: religioso e politico.

Al primo appartengono la Chiesa di San Michele Arcangelo e la Chiesa di San Silvestro, quasi coeve e realizzate dagli architetti Binello e Rodolfo sul finire del dodicesimo secolo. Poco distante c’è il Palazzo dei Consoli, di qualche decennio più recente.

Sempre sulla stessa piazza si affaccia il Teatro Torti, di dimensioni ridotte ma in grado di suscitare suggestioni uniche per la particolare scenografia interna. È la sede di molte iniziative culturali che animano Bevagna tutto l’anno.

L’evento clou della cittadina è il Mercato delle Gaite, che si svolge ogni anno nel mese di giugno. In quei giorni i turisti possono aggirarsi per le viuzze del centro storico, ammirando le rievocazioni dei vecchi mestieri: la fabbricazione artigianale della carta, la produzione della seta con i bachi, la forgiatura del ferro e cosi via. Al termine delle Gaite, che prendono per la gola i visitatori che le pietanze tipiche, una giuria di esperti e storici premia il mestiere che più si è avvicinato alla realtà storica medievale.

Il soggiorno a Bevagna può essere piacevolmente inserito in un tour che tocca Montefalco, Foligno, Spello e Assisi. E abbiamo detto niente!

Tag: , , , ,

Invia una domanda